SE SOFFRI DI ANSIA E DEPRESSIONE ELIMINA SUBITO I CIBI ULTRAPROCESSATI DALLA TUA ALIMENTAZIONE

I cibi ultra processati sono cibi prodotti industrialmente sono ricchi di sostanze non nutritive che migliorano la conservazione, la consistenza, l'aspetto e il gusto del prodotto alimentare, ma che non hanno potere nutritivo e non le mangeresti mai da sole.
Osserva un'etichetta di un cibo che ha più di tre ingredienti e capisci di cosa sto parlando.

Gli studi scientifici hanno dimostrato che l'utilizzo di cibi processati, quando raggiunge il 50% dell'apporto calorico giornaliero, favorisce la comparsa di ansia e depressione; gli studi scientifici hanno anche dimostrato che ridurre l'utilizzo di cibi ultra processati riduce manifestazioni di fenomeni ansiosi e depressivi.

Quindi è abbastanza semplice: se soffri di ansia o depressione, il primo passo che devi fare per la tua salute è eliminare i cibi ultraprocessati.

Ma c'è di più: ansia e depressione sono manifestazioni neuroinfiammatorie, e la
neuroinfiammazione se non si spegne ma dura per anni può portare allo sviluppo delle
patologie neurodegenerative quali Alzheimer, Demenza, Parkinson. Gli studi scientifici hanno dimostrato che il consumo di cibi ultra processati peggiora la performance mentale e la loro riduzione rallenta il decadimento cognitivo.

Gli studi scientifici hanno dimostrato che il motivo alla base dell'effetto infiammatorio a livello dei neuroni potrebbe essere dovuto alle eccessive esposizione ai cibi ricchi di fruttosio, lo zucchero che se naturalmente contenuto nei cibi come la frutta fa bene, ma se è contenuto nei cibi ultra processati può generare la comparsa dei processi infiammatori neuronali che possono portare alla comparsa di Alzheimer.

Inoltre il fruttosio induce una modifica nel nostro metabolismo favorendo la
comparsa di resistenza all'insulina, che è una delle cause dell'infarto, e obesità a, che è
un'altra delle cause dell'infarto. Osserva quindi l'etichetta dei cibi che acquisti per te per la tua famiglia e se trovi la scritta fruttosio ti suggerisco di lasciare il prodotto nello scaffale.
Gli studi scientifici hanno dimostrato che un'altra sostanza che può generare danno ai nostri neuroni fino alla comparsa dell'Alzheimer è l'idrossinonenale una sostanza dallo strano nome che si genera quando gli oli vegetali (canola, girasole, soia, mais) vengono portati ad alte temperature. È quindi una buona abitudine di salute eliminare tutti quei cibi prodotti industrialmente che presentano in etichetta la scritta oli vegetali, perché se nel processo di produzione è avvenuto un passaggio ad alta temperatura è probabile che all'interno di quella confezione sia presente l'idrossinonenale.

E quindi cosa puoi mangiare al posto di cibi ultraprocessati?

Gli studi scientifici hanno dimostrato che un'alimentazione ricca di polifenoli, nello specifico flavonoidi come narigenina e quercetina, che trovi naturalmente contenuti negli agrumi nel vino rosso, è inversamente proporzionale alla comparsa di sintomi depressi, e di conseguenza associato ad un minor rischio di sviluppare processi infiammatori a carico dei nostri nervi e del nostro cervello.

Ti invito quindi a verificare che ogni giorno il tuo piatto sia sempre ricco di cibi naturalmente colorati ricchi di polifenoli.

La Farmacia San Martino è specializzata in prevenzione delle malattie neurodegenerative: vieni in farmacia, prendi il volantino ansia e depressione e chiedici il Diario 'Abitudini di Salute: scegli cibo fresco, colorato e non processato' grazie al quale potrai acquisire la consapevolezza di quanti cibi processati mangi ogni giorno.

Ti aspettiamo.

Articolo a cura del dott. Guido Verri,
responsabile della reparto 'controllo dello stress' e del reparto 'stile di vita'.

RIFERIMENTI

Coletro HN, Mendonça RD, Meireles AL, Machado-Coelho GLL, Menezes MC. Ultra-processed and fresh food consumption and symptoms of anxiety and depression during the COVID – 19 pandemic: COVID Inconfidentes. Clin Nutr ESPEN. 2022;47:206-214. doi:10.1016/j.clnesp.2021.12.013

Hecht EM, Rabil A, Martinez Steele E, et al. Cross-sectional examination of ultra-processed food consumption and adverse mental health symptoms. Public Health Nutr. 2022;25(11):3225-3234. doi:10.1017/S1368980022001586

Diseases. Adv Nutr. 2020;11(6):1489-1509.
doi:10.1093/advances/nmaa072

Johnson RJ, Gomez-Pinilla F, Nagel M, et al. Cerebral Fructose Metabolism as a Potential Mechanism Driving Alzheimer's Disease. Front Aging Neurosci. 2020;12:560865. Published 2020 Sep 11. doi:10.3389/fnagi.2020.560865

R Cardoso B, Machado P, Steele EM. Association between ultra-processed food
consumption and cognitive performance in US older adults: a cross-sectional analysis of the NHANES 2011-2014. Eur J Nutr. 2022;61(8):3975-3985. doi:10.1007/s00394-022-02911-1

Yamashima T, Ota T, Mizukoshi E, et al. Intake of ω-6 Polyunsaturated Fatty Acid-Rich
Vegetable Oils and Risk of Lifestyle Diseases. Adv Nutr. 2020;11(6):1489-1509.
doi:10.1093/advances/nmaa072

Godos J, Castellano S, Ray S, Grosso G, Galvano F. Dietary Polyphenol Intake and
Depression: Results from the Mediterranean Healthy Eating, Lifestyle and Aging (MEAL) Study. Molecules. 2018;23(5):999. Published 2018 Apr 24. doi:10.3390/molecules23050999

Picture of Farmacia San Martino Como

Farmacia San Martino Como

Articolo scritto dal nostro staff. Per maggiori informazioni clicca qui.

Articoli correlati

I nostri servizi

Elettrocardiogramma

Holter cardiaco

Holter pressorio

Autoanalisi emoglobina glicata.
autoanalisi vitamina d

Autoanalisi glicemia, colesterolo e profilo lipidico

Misurazione della pressione arteriosa

Test equilibrio emozionale coi fiori di Bach

Consulenza aderenza terapeutica

Consulenza stile di vita e corretta alimentazione

NOLEGGI: TIRALATTE PROFESSIONALE, BILANCIA ELETTRONICA NEONATI, MAGNETOTERAPIA, STAMPELLE, AEROSOL